Annunci

MONEY TUTOR con ADVISEONLY.com

    L’angolo dei mercati finanziari

 

 

Obbligazioni, rendimenti sotto zero: ecco 5 consigli per investire

Tempo di investire in obbligazioni governative? Non si direbbe guardando questo grafico. Oltre il 25% dei titoli di Stato che costituiscono l’indice Bloomberg Eurozone Sovereign Bond presenta, infatti, rendimenti negativi.
La sostanza è semplice cari risparmiatori: dovete pagare per prestare i soldi a qualcun’altro.

tassi_negativi

Siamo di fronte a una bizzarra distorsione di una delle più intuitive leggi dell’economia. Questo dipende dalle politiche monetarie straordinarie (nell’ultimo mese dodici banche centrali hanno abbassato i tassi d’interesse) e da un’economia stagnante. E’ come finire in un buco nero e vedere le ordinarie leggi della fisica farsi da parte per lasciar spazio al caso limite.
Già, perché prestare una somma X e vedersi restituire una somma Y<X avrebbe senso se fossimo finiti in un cunicolo spazio-temporale in grado di sospingerci indietro lungo la linea del tempo – il wormhole reso famoso da Interstellar[1]. Guardando il PIL italiano, diminuito in termini reali del 4,6% negli ultimi 10 anni, viene il sospetto che in Europa stia accadendo qualcosa del genere. Ma non è così.
La realtà ormai sfida la teoria: mi viene da sorridere se ripenso a quando, giovane quant, scartavo con sufficienza modelli matematici per valutare derivati su tassi d’interesse perché ammettevano rendimenti obbligazionari negativi, un fatto considerato blasfemo da accademici e professionisti. E ora eccoci qui, nella situazione opposta…
A meno che qualche rischio geopolitico incombente sui mercati non esploda, è probabile che in Europa i tassi negativi, o prossimi allo zero, continuino ad essere la norma ancora per un po’: l’inondazione di liquidità in arrivo nei prossimi mesi con il QE della BCE sarà la forza che li spingerà verso il basso.
Siamo pratici, allora, e vediamo che cosa può fare un risparmiatore in un mondo siffatto, dove il cosiddetto zero lower bound dei tassi d’interesse è solo un ricordo.

5 consigli per investire con tassi negativi o prossimi allo zero

  • Ridurre i costi – I costi sono una componente deterministica della performance: riducendoli, a parità di asset allocation, l’effetto benefico è matematico. Quindi utilizzate ETF, fondi comuni con basse commissioni di gestione. E per i conti correnti e i conti titoli cercate le banche più competitive.
  • Più rischio e più diversificazione – Ampliate l’universo investibile dando più peso nella vostra asset allocation agli attivi considerati rischiosi, per esempio le azioni (senza esagerare, ovviamente). Contestualmente, aumentate la diversificazione, per gestire e contenere il rischio. Se caricate il vostro portafoglio su adviseonly.com, il rischio, la liquidità e la performance saranno sempre monitorabili e sotto il vostro controllo.
  • Smart beta – Corollario del punto precedente: investite in vari fattori di rischio e diverse strategie, aumentate quindi la diversificazione di portafoglio con intelligenza. Vi sono numerosi ETF che consentono di ampliare la vostra asset allocation in tal senso. Attenzione ai costi e ai venditori di fuffa (ne parlerò presto).
  • Liquidità – Non abbiate paura ad utilizzare la liquidità come asset class (parlo di investimenti monetari e di liquidità in senso stretto): è vero che, per esempio, i BOT non rendono praticamente nulla (oggi quelli a 12 mesi rendono circa lo 0,10% lordo), ma sono liquidi e hanno rischi bassissimi.
  • Pazientare e pensare agli obiettivi di lungo termine – Inutile innervosirsi e cercare soluzioni magiche, meglio restare fedeli ai propri obiettivi di investimento e investire coerentemente con essi. Prima o poi, la situazione cambierà…

[1] Se solo Isaac Asimov e Philip Dick fossero vivi e vedessero questi bizzarri fenomeni, ne sarebbero certo affascinati e, chissà, ne trarrebbero ispirazione. Per chi fosse curioso di economia interstellare, suggerisco il godibilissimo saggio del (allora giovane) Paul Krugman.

Raffaele Zenti

Raffaele Zenti

Uno dei fondatori di Advise Only, responsabile del Financial Strategies Group. Esperto di finanza e di gestione dei rischi, Bayesiano, lunga esperienza in Allianz Asset Management, è laureato in scienze economiche con indirizzo quantitativo-statistico all’Università di Torino. Docente di Quantitative Portfolio Management al Master in Finance dell’Università di Torino, ha pubblicato vari articoli su riviste finanziarie (fra gli altri, il Journal of Asset Management, Economic Notes, Risk), contribuendo a libri sulla scelta degli investimenti e la gestione dei rischi. Un passato da triathleta, si ostina a praticare apnea, immersioni e skyrunning.

  

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: