Annunci

THE VILLAGE WEEKEND con Federica SELLERI

<!–[if !mso]>st1\:*{behavior:url(#ieooui) } <![endif]–>
SPOTTED: Chagall a Roma

March Chagall può essere considerato come uno tra gli artisti del Novecento più amati dal pubblico e più facilmente riconoscibile per il suo stile. Artista che è sempre rimasto fedele a se stesso pur
avendo vissuto in un periodo che ha visto il susseguirsi di guerre, catastrofi, rivoluzioni politiche e tecnologiche.

La mostra “CHAGALL. LOVE AND LIFE” raccoglie 140 opere provenienti dalla collezione dell’Israel Museum di Gerusalemme. Il museo è stato fondato nel 1956 e ospita collezioni di opere d’arte che attraversano la cultura ebraica dalla preistoria al contemporaneo. Le opere di Chagall sono state donate al museo dal maestro stesso, dalla figlia Ida e da sostenitori dell’istituzione.
Attraverso disegni, olii e acquarelli, la rassegna racconta la poetica dell’artista influenzata costantemente dall’amore per la moglie Bella e dal dolore per la sua morte prematura nel 1944. L’esposizione  ripercorre la vita dell’artista e la sua arte che fu il risultato di commistione delle maggiori tradizioni occidentali europee – dall’originaria cultura ebraica a quella russa, unite alla pittura francese delle avanguardie.
La mostra è suddivisa in otto sezioni tematiche che ben riassumono l’essenza artistica dell’autore. L’originalissima lingua poetica di Chagall nasce infatti dell’assimilazione delle tre culture cui appartiene: la cultura ebraica, è infatti dai manoscritti ornati che l’artista assorbe e rielabora gli elementi espressivi; la cultura russa, cui attinge sia attraverso le immagini popolari dei luboki che attraverso quelle religiose delle icone; la cultura occidentale, assimila i grandi pittori della tradizione – da Rembrandt agli artisti delle avanguardie che frequenta con assiduità.
La mostra raccoglie in particolare i lavori grafici e ripercorre i temi fondamentali della produzione di Chagall: dalle immagini della sua infanzia e della gioventù nella nativa Vitebsk, alle illustrazioni per l’autobiografia My Life e per i libri scritti da Bella (First Encounter e Burning Lights) fino alle opere di età più matura. Un’intera sezione è dedicata alle illustrazioni della Bibbia con temi che esercitarono sempre un grande fascino su di lui e che rivelano un’interpretazione straordinariamente “umanista” delle Scritture come il ciclo d’incontri storici tra l’uomo e Dio, interpretazione dell’Antico Testamento.
Chagall fu quindi un artista che seppe trattare i più diversi temi ed interpretarli con le più differenti tecniche, dal colore ad olio alle sculture, dagli acquarelli alle incisioni. Quest’ultima è ampiamente approfondita nel percorso espositivo che mostra le peculiarità delle opere eseguite con le diverse tecniche litografiche e di incisione.
La rassegna mette in luce anche il rapporto esistente nell’opera di Chagall tra arte e letteratura, tra linguaggio e contenuto. I lavori esposti riflettono l’identità poliedrica dell’artista, che è al tempo stesso l’ebreo di Vitebsk, autore e illustratore che correda di immagini i libri dell’amata sposa, artista che illustra la Bibbia, originale pittore moderno che attraverso l’iconografia cristiana piange la sorte toccata al popolo ebraico, profondo conoscitore di Le Anime morte dello scrittore russo Nikolaj Gogol e francese di adozione che disegnò le illustrazioni delle favole di La Fontaine anch’esse in mostra.
Chagall celebra l’amore come dono divino e ritrae la famiglia, gli amici e se stesso dimostrando di essere un maestro della linea e della superficie oltre che un eccellente colorista.
Vi lascio con una frase del maestro che a parer mio ben si adatta al filo conduttore di questa mostra: “Nonostante i guai del nostro mondo, nel mio cuore non ho mai dato per perso l’amore con cui sono stato allevato o la speranza che l’uomo ha nell’amore. Nella vita, proprio come nella tavolozza del pittore, non c’è che un unico colore capace di dare significato alla vita e all’arte: il colore dell’amore”.
Buon Chagall a tutti!!
Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: