THE VILLAGE WEEKEND con Federica SELLERI

GRAND TOUR : L’ITALIA VISTA DAGLI ARTISTI CINESI
Quando si pensa al “Grand Tour” la mente viene subito riportata indietro di qualche secolo, nel 1700 circa,  periodo in cui si diffuse questa pratica legata principalmente all’ideale perfezionamento didattico dei giovani aristocratici europei.

Questa prassi comportò, da una parte, grazie alla riscoperta delle antichità greche e romane, la nascita e diffusione del movimento storico-culturale del Romanticismo, dall’altra, creò una tradizione sovranazionale propriamente “europea”. Grazie alla moda del Grand Tour, infatti, giovani intellettuali e artisti provenienti da ogni parte d’Europa si recarono in Italia per riscoprire, studiare e godere le testimonianze artistiche dell’antichità classica, e, allo steso tempo, prendere consapevolezza di quanto quelle antichità fossero parte integrante di un paesaggio culturale unico e irripetibile. Il viaggio alla scoperta della varietà del paesaggio italiano diventava così un’indimenticabile esperienza dei sensi.

Il progetto di cui vi voglio parlare prende spunto dal Grand Tour ed ha portato artisti provenienti dalla Cina a vivere l’esperienza di dipingere en plein air alcuni dei più suggestivi luoghi storici italiani sulle orme dei grandi maestri che li hanno preceduti.
Perseguendo l’obiettivo di creare un rapporto tra artisti di diversi Paesi e diverse radici culturali, la Fondazione “Alessandro Kokocinski”, la Shanghai International Culture Association e l’Associazione Artisti Internazionali Ponte, con l’incoraggiamento del Comune di Viterbo e del Museo Nazionale d’Arte Orientale ‘G. Tucci’ di Roma, hanno promosso un progetto di interculturalità artistica su un tema di grande suggestione: è nato così il progetto “Pittori cinesi dipingono i luoghi italiani del Grand Tour”.
Cinque artisti cinesi, di fama riconosciuta, sono stati invitati a prendere parte all’iniziativa, che ha permesso loro, nel corso di un mese di soggiorno in Italia, di rivisitare e dipingere alcuni luoghi del Grand Tour.
Nel corso del 2015 le opere realizzate dagli artisti cinesi saranno esposte in Italia in diverse sedi e, in alcuni casi, saranno accompagnate dall’esposizione di dipinti d’epoca aventi per soggetto i luoghi del Grand Tour. 
In questo modo gli spettatori potranno confrontare la percezione che artisti di epoche e provenienze diverse hanno avuto e hanno del nostro Paese.
La prima sede della mostra è Roma: la rassegna, inaugurata il 9 Maggio, sarà visitabile, fino al 6 Settembre, presso le sale del Museo Nazionale d’Arte Orientale “G. Tucci” in Palazzo Brancaccio, che negli ultimi anni ha in più occasioni promosso la conoscenza dell’arte contemporanea dei Paesi asiatici.
Annunci

Rispondi