Annunci

PILLOLE DI SMARTWEEK con Corrado GRIFFA

 

armi 

L’Armamento in Disarmo 

 

Eccesso di capacità nello shipping, con “overbook” di nuove navi container; l’effetto è un aumento di debiti, che per gli armatori italiani hanno raggiunto i 13 miliardi di US$: “oggi circa la metà delle società armatoriali italiane sono in ristrutturazione, ossia più di 20 aziende; questa situazione dipende anche dal fatto che la flotta nazionale ha avuto una forte crescita tra il 2002 ed il 2009, con navi pagate, nel momento del boom dei noli, a prezzi molto alti e con leve finanziarie spesso superiori all’80%. Navi che oggi valgono la metà e che si portano dietro un alto debito”.
Fondi di private equity, entrati negli anni del boom, sono oggi delusi dallo shipping, anche se contano solo per il 17% dei capitali forniti. Hedge funds, sui mercati internazionali, hanno rilevato crediti bancari (le banche hanno rapidamente ridotto la esposizione creditizia anche nello shipping) ed assets dei private equity, a prezzo scontato, prevalentemente con l’obiettivo di “fare lo spezzatino” confidando di lucrare attraverso la dismissione, quindi la rivendita, di assets (navi); ma i prezzi attuali “ingessano” il settore, che sta alla fonda.
Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: