PILLOLE DI SMARTWEEK con Corrado GRIFFA

Disoccupati e Potenziali Lavoratori

Nel Rapporto ISTAT presentato alla Camera, il confronto fra il 2008 ed il 2014, periodo di “sette anni della grande crisi”, evidenzia che nel 2008 i disoccupati erano 1.664.000, a fine 2014 sono 3.226.000, un +93,9% pari a 1.562.000 unità; la distribuzione geografica è indice delle difficoltà sia storiche che congiunturali: alla fine dello scorso anno il 47,0% dei disoccupati era nel Mezzogiorno (era il 52,7% nel 2008), il 19,1% nel Centro (il 18,6% nel 2008), il 33,9% nel Nord (il 28,7% nel 2008). A tali numeri, vanno ad aggiungersi i “lavoratori potenziali”, quanti non hanno una occupazione, non sono censiti come disoccupati, e non cercano attivamente un lavoro: sono 4.457.000 in tutta Italia (dato fine 2014), erano 2.758.000 nel 2008. “Mancano all’appello” quasi 8 milioni di possibili occupati: dare lavoro a tutti è impresa ardua, ma “conseguire un tasso di occupazione uguale a quello europeo significherebbe per il nostro paese un incremento di circa 3 milioni e mezzo di occupati”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: