PILLOLE DI SMARTWEEK con Corrado GRIFFA

cat_commodities

 

Commodity e Finanza Sono Parenti Stretti

Molto stretti. Le commodity sono oggetto di negoziazione sui mercati internazionali e costituiscono l’attività sottostante per vari tipi di strumenti derivati, come futures ed options; includono prodotti agricoli (avena, farina di soia, frumento, mais, olio di soia, soia), coloniali e tropicali (cacao, caffè, cotone, legname, succo d’arancia, tabacco, zucchero, olio di palma), carni (bovini, bovini da latte, maiali, pancetta di maiale), metalli (alluminio, argento, nickel, oro, palladio,platino, rame, zinco), energetici (benzina, etanolo, gas naturale, nafta, petrolio), altri beni e prodotti (gomma naturale, meccanica, ottica, veicoli, farmaceutici, acciaio, prodotti chimici); sono negoziate, mediante contratti spot (a pronti), futures ed options, in vari mercati: i più famosi sono il Chicago Board of Trade (CBOT), il Chicago Mercantile Exchange (CME), il  New York Board of Trade (NYBOT)  per i prodotti agricoli ed alimentari, il  New York Mercantile Exchange (NYMEX) per i prodotti “hard commodity”, il London Metal Exchange (LME) per il petrolio.  
La creazione di mercati di derrate alimentari e l’uso di contratti “derivati” si fa risalire ai Sumeri, fra il 4.500 ed 4.000 a.C., per favorire l’attività agricola e limitare la “volatilità” dei prezzi relativi: al momento della semina l’agricoltore conosce il costo di seme, lavoro, fertilizzante, ma non sa a quanto potrà vendere il prodotto al momento del raccolto; deve cercare di “assicurarsi il profitto”; da qui nasce il contratto future che è una obbligazione a comprare e/o vendere un prodotto ad un prezzo pre-fissato per una data pre-fissata; maggiore il volume delle transazioni fatte dagli operatori, migliore la “liquidità” dello strumento, maggiore l’”affidabilità” dei prezzi; l’opzione è un “perfezionamento” dello strumento in quanto consente la mera possibilità (contro il pagamento di un “margine”) di portare a compimento il contratto, ad un prezzo fissato nel contratto (strike price, o d’esercizio), laddove le condizioni finanziarie dell’opzione siano favorevoli per chi l’ha sottoscritta (l’opzione call è la facoltà di acquistare, quella put di vendere), diversamente l’opzione non viene esercitata.
Guardando al futuro del “bene fisico”, con la crescita della popolazione e il miglioramento degli standard di vita, è prevedibile un aumento della domanda di varie commodity.  Ma la “finanziarizzazione” delle commodity  cereali (che sono il 50% dei cibo consumato nel mondo), è oggetto di dibattiti accesi, poiché il trading finanziario viene ritenuto la causa principale dell’incremento di prezzo dei beni fisici, con conseguenze dirompenti sulla disponibilità di cereali per l’alimentazione; analogo dibattito esiste riguardo il crescente utilizzo di cereali come combustibile “verde” (circa 1/3 della produzione mondiale). Discorso diverso per l’ ”asset finanziario”. Dagli anni Novanta sono cambiate le “regole del gioco”: le commodity sono diventate oggetto di forte interesse da parte di soggetti diversi da agricoltori ed industriali del settore (i primi consumatori dei beni in questione), con l’ingresso in campo di investitori (fondi di investimento, banche, operatori finanziari) accanto alle trading houses ed ai dealer specializzati, avendone visto le caratteristiche fondamentali per farne una “asset class”: standardizzazione dei contratti, ampia disponibilità di beni, possibilità di forti e rapide variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari (futures ed options) che significa ampia volatilità e quindi ampie possibilità di guadagno (e specularmente, di perdita), situazione tipica del mercato finanziario che vive di “posizioni” sulle aspettative di variazione dei prezzi delle singole “asset class”; si è andata modificando la natura degli strumenti finanziari sulle commodity che da “copertura” ed “assicurazione” dei prezzi sono diventati vettori della volatilità dei prezzi stessi; la c.d. “finanziarizzazione delle commodity”.
Sono nati strumenti di vario tipo, dagli indici agli ETF, agli ETC (Exchange Traded Commodity), ai fondi specializzati, a contratti OTC (mercati non regolamentati). In termini di diversificazione e risultati dell’investimento in commodity, i rendimenti storici delle commodity hanno mostrato una scarsa correlazione con quelli delle azioni o di altre classi di attività. Rispetto alle azioni e ad altre attività finanziarie tradizionali, le commodity hanno mostrato la tendenza a conseguire performance inferiori. Le commodity sono passate da essere utile strumento di “assicurazione e copertura” per muscolosi contadini ad efficace tipologia di investimento per gagliardi investitori-speculatori.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: