LA GEOGRAFIA DI PIAZZA AFFARI

Featured image

La geografia di Piazza Affari

Sulla Borsa Italiana sono quotate 239 società con sede legale in Italia (sono quindi “fuori classifica” FCA, la vecchia Fiat Auto; CNH; Tenaris che hanno sede all’estero); 101, il 42,3%, hanno sede in Lombardia, che si conferma la regione con l’economia più vivace e propensa ad aprire il proprio azionariato al pubblico; seguono le 33 imprese emiliane (il 13,8% del totale delle imprese presenti al listino principale), poi le 30 società del Lazio (12,6%), e distanziate le 19 società piemontesi (7,9%), le 16 venete (6,7%), le 15 toscane (6,3%); non ci sono imprese trentine, abruzzesi, siciliane e della Valle d’Aosta quotate al listino principale.

Featured image

Negli ultimi anni è cresciuta in misura significativa il numero delle società quotate all’AIM: oggi sono 61 le società quotate con sede in Italia: 26 (il 42,3%) hanno sede in Lombardia, seguita dalle 12 società con sede nel Lazio (19,7%), 9 in Emilia Romagna (14,8%), 4 in Piemonte (6,6%), 4 in Veneto (4,9%); non vi sono società quotate all’AIM in Liguria, Campania, Molise, Sardegna, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Valle d’Aosta.

Featured image

L’economia finanziaria, intendendosi come imprese che hanno scelto di quotarsi, è più concentrata geograficamente di quella reale, che vede una più equilibrata distribuzione delle iniziative imprenditoriali fra le regioni italiane: le imprese della Lombardia producono infatti il 21% del PIL italiano, quelle del Lazio l’11%, quelle del Piemonte l’8%, le venete il 9,4%, le emiliane il 9%.

Featured image

Corrado GRIFFA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: