TURISTI, PER CASO.

Turisti in fila a Piazza San Pietro, oggi 21 aprile 2011 a Roma. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Secondo l’Organizzazione mondiale per il turismo (OMT), il turismo mondiale cresce del 5% l’anno, e nel 2030 si attende che 2 miliardi di persone faranno un viaggio all’estero. Il Country Brand Index, che misura l’attrattività di un paese, vede l’Italia scendere dal primo posto del 2004 alla posizione 18 nel 2014; una caduta vertiginosa per un paese che secondo l’Unesco ha 51 siti indicati come patrimonio dell’umanità, il 5% del totale, 4.000 musei, 95.000 chiese, 2.000 aree archeologiche; e che vede il turismo rappresentare il 10% del PIL con 160 miliardi di giro d’affari, occupando l’11% degli occupati totali (per la maggioranza “under 40”). E che vale assai in termini di consumi e shopping: senza contare il “pacchetto viaggi” (volo ed albergo), lo shopping vale il 40% della spesa effettuata nel paese visitato, e solo il 10% va a biglietti per musei ed eventi culturali. Non basta avere “le pietre più belle del mondo” (siti archeologici e rovine antiche) per essere una meta turistico, serve creare emozioni e farle vivere (Colosseo e Musei Vaticani hanno la metà dei visitatori di Eurodisney, che sono 15 milioni l’anno).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: