Annunci

THE VILLAGE WEEKEND con Federica SELLERI

BRUEGHEL IN MOSTRA A BOLOGNA

brue1

Nelle sale di Palazzo Albergati, Arthemisia Group da avvio ad un progetto all’insegna dell’arte fiamminga con la mostra “Brueghel. Capolavori dell’arte fiamminga”, inaugurata il 2 Ottobre e visitabile fino al 28 Febbraio.

La rassegna ripercorre la storia, lungo un orizzonte temporale, familiare e pittorico di oltre 150 anni portando a Bologna i capolavori di un’intera dinastia di eccezionale talento attiva tra il XVI e il XVII secolo. Brueghel, è infatti nome di una dinastia diventata nei secoli passati marchio di eccellenza nell’arte pittorica, che comprendeva la più importante famiglia di artisti fiamminghi a cavallo tra il XVI e XVII secolo interpreti dello splendore del Seicento.

Ecco quindi che si alternano opere di Pieter Brughel il Vecchio – La Resurrezione (1563 ca) -, Pieter Brueghel il Giovane – Danza nuziale all’aperto (1610 circa) -, Jan Brueghel il Vecchio – Paesaggio fluviale con bagnanti (1595 – 1600), Jan Brueghel il Giovane – Incontro tra viaggiatori (1630 circa) -, Abraham Brueghel Grande natura morta con frutta in un paesaggio (1670) -, Ambrosious Brueghel Natura morte con fiori (1660-65), in un’esposizione che analizza la rivoluzione realista sulla pittura europea nata dal genio della famiglia Brueghel, che ha influenzato, attraverso lo sguardo degli stessi inventori, i grandi temi della storia dell’arte occidentale.

brue2

La mostra vuole essere un viaggio appassionante nell’epoca d’oro della pittura fiamminga del Seicento alla ricerca del genio visionario di ben cinque generazioni di artisti in grado di incarnare coralmente – come mai nessuno prima né dopo di loro – lo stile e le tendenze di oltre un secolo di storia dellʼarte.

Pieter Brueghel il Vecchio, capostipite della famiglia, si dedica allo studio della realtà quotidiana della vita umana indagandone ogni aspetto senza escludere quelli più crudi e realistici. Questo tratto caratterizzante dello studio attento della realtà rimane una costante nell’opera di Pieter Brueghel il Giovane.

E se nel Rinascimento italiano la natura deve limitarsi a essere uno sfondo rispetto alla magnifica superiorità plastica ed estetica dell’uomo, nella pittura fiamminga – nello stile di Brueghel – la Natura assume pienamente il ruolo di vera protagonista della storia umana e viene rappresentata con una ricchezza visiva, una cura nel dettaglio e una bellezza compositiva mai vista prima nella storia della pittura. Una Natura forte e vigorosa, che sovrasta l’uomo, spesso succube e sottomesso di fronte alla sua potenza.

La mostra si articola in sette sezioni le cui tematiche (Il giudizio morale, natura regina, soldati e cacciatori, viaggiatori e mercanti, allegorie e parabole, splendore e vanità, vita silente e danza degli ultimi) sono i principali momenti della realtà ritratti dai Brueghel che hanno utilizzato come specchio della realtà per descrivere il mondo.

brue3

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: