LIQUIDITA’ SU, INVESTIMENTI GIU’.

Le imprese (quotate) europee hanno 1.300 miliardi USD in cassa (fonte: Moody’s, dati bilancio 2014), il 40% in più del 2008; quelle USA 1.730 miliardi USD; mentre il PIL è lievemente cresciuto, gli investimenti sono diminuiti in modo significativo in Europa, fra il 2008 ed oggi: meno 20% (fonte: RBS); prendendo come base=100 il 2008, oggi gli investimenti nei paesi OCSE sono a 101,20, quelli dei soli paesi emergenti (inclusa Cina) a 102,44; nell’area euro l’indice è a 87,42. Molte le ragioni di tale situazione: dichiarata incertezza generale, bassi ritorni attesi sugli investimenti, domanda debole, spostamento verso una società digitale (che richiede meno investimenti: il 12% in meno rispetto all’industria, secondo l’OCSE). Se l’eccessivo indebitamento delle imprese era una ragione valida per “tirare il freno” agli investimenti nel recente passato, oggi non è più così: nel 1999-2007 (media), le imprese USA per ogni dollaro di capitale proprio avevano 62 centesimi di debito, nel 2008 87 centesimi, oggi 58 centesimi; quelle dell’area euro, rispettivamente 1,09 dollari (media 1999-2007), 2,04 dollari (2008), 1,14 dollari (2014).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: