LIVELLI DI CORRUZIONE.

Sebbene la corruzione sia “un fenomeno la cui quantificazione è estremamente ardua”, la sua percezione è evidente: il 42% degli italiani ritiene di essere vittima della corruzione (una percentuale inferiore, in Europa, solo a Spagna, Grecia, Cipro, Romania, Ungheria), il 74% ritiene che essa sia cresciuta negli ultimi 3 anni (contro un 56% a livello UE27, un 45% in Germania, un 37% in Danimarca); il costo della corruzione non è solo finanziario ma si riflette nella distorsione della politica e degli interventi economici della mano pubblica (e spesso anche privata), nei comportamenti della classe politica ed imprenditoriale legata al pubblico.

Un fenomeno che si evidenzia con il confronto fra i costi sostenuti per la realizzazione di opere pubbliche ed infrastrutture come il treno ad alta velocità, che è costato in media 61 milioni di euro al chilometro in Italia, 10,2 milioni per la linea Parigi-Lione, 9,3 milioni per il tratto Tokyo-Osaka. Il treno va veloce, e con esso sprechi, ritardi, illeciti corruttivi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: