LA GRANDE ACCELERAZIONE.

Dopo WW2, l’industrializzazione ha innestato la quinta, e come causa-effetto si è avuta un rapido processo di estinzione di piante e specie animali: secondo l’International Geosphere-Biosphere Programme e lo Stockholm Resilience Center, la popolazione è cresciuta del 180%, i consumi d’acqua del 215%, quelli di energia del 315%, la concentrazione di metano nell’atmosfera è raddoppiata, quella di anidride carbonica è cresciuta del 30%, la concentrazione di azoto e fosforo nel terreno è raddoppiata.

Il fenomeno è definito Grande Accelerazione, ed il suo “battesimo” è situato intorno al 1950. “Solo dopo la metà del XX secolo si trovano segni evidenti di un’alterazione fondamentale nelle condizioni e nel funzionamento della Terra, che supera la portata delle variabili interneo all’Olocene ed è prodotta dalle attività umane, non dalla natura”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: