Annunci

MONEY TUTOR con ADVISEONLY.com

Quel bidone di Veneto Banca si è rotto

di Jack Sparrow
Azzerato (nella sostanza) il valore delle azioni di Veneto Banca: la forchetta per la quotazione su Borsa Italiana fissata dal CdA è tra 10 e 50 centesimi di euro. Dopo Banca Popolare di Vicenza, un’altra deflagrazione nel pianeta risparmio.

Ma che bella banca! Si è proprio rivelata per quel che già nel lontano 2013 era evidente, dal lezzo che emanava: un bidone di letame. E, posso dirlo, lo segnalai, qui, su questo blog, con un post che metteva l’accento sull’inquietante comportamento e sulle improbabili valutazioni di questa preziosa banchetta.

Sta di fatto che il letame viene sempre a galla, è pura fisica applicata, e anche stavolta è andata così.

Un capitale sparito nel nulla

Proprio ieri sera oltre 87mila soci di Veneto Banca si sono visti nebulizzare il capitale investito in azioni dopo che il Consiglio d’Amministrazione della banca ha fissato la forchetta di prezzo in vista della quotazione in Borsa: tra 10 e 50 centesimi di euro. Guardate che 10 cent (usiamo il linguaggio della Banda Bassotti, che mi pare in tema) non li accettano manco i barboni che chiedono l’elemosina.

Cioè: da oltre 40 euro di valore del tutto teorico, figlio di immaginifiche valutazioni partorite dalla stessa banca, lisergiche fantasie bancarie (già, perché quando tutte le Borse del mondo scendevano, le azioni di Veneto Banca magicamente salivano con trend lineare, bello ehhh, altro che fondi total return), fin giù nell’abisso, sprofondando a pochi sporchi centesimi di euro di valore. È una perdita del 98,8% nel migliore dei casi (quotazione a 50 cent), del 99,8% nel peggiore dei casi (10 cent), che qualcosa mi dice sarà il valore di quotazione.

Ma non fa molta differenza. Nella sostanza, i soldi dei risparmiatori grandi e piccoli che avevano incautamente acquistato in un modo o nell’altro le azioni della sordida banca, semplicemente non ci sono più. Vaporizzati anche i quattrini di decine di istituti religiosi, in larga parte i fondi dell’8 per mille. Resta giusto l’odore di zolfo nell’aria.

Fiducia tradita

Certo le ricadute economiche di questa storiaccia bancaria si faranno sentire a lungo in Veneto, soprattutto in  provincia di Treviso e di Vicenza, le più colpite: gli imprenditori, gli artigiani, molte famiglie, le istituzioni… hanno tutte subito un duro colpo, che lascerà il segno per un po’.

Ma la più ferita è la fiducia dei risparmiatori. Perché questo è l’ennesimo caso di una banca “sicura”, di una banca “amica”, che vendeva ai “fidati clienti” prodottacci e azioni che oggi valgono come un rotolo di carta igienica. E lo facevano spesso in modo opaco – come nel caso del bond convertibile di cui parlai anni fa – a proposito, dov’era la Consob allora? Boh. A cavillare su sottili questioni formali, forse.

Io a questi qua di Veneto Banca saprei cosa fare, perché è chiaro che rappresentano Il Male. Vediamo come procederà la vicenda legalmente, mentre il fondo Atlante s’appresta a ingollare altra materia sospetta e un po’ radioattiva.

Informarsi, prima di tutto

C’è da sperare che queste dure lezioni di tecnica bancaria pratica servano ai risparmiatori per capire che bisogna informarsi e avere sempre una sana diffidenza verso le banche e gli altri intermediari finanziari: non sono vostri amici, sono controparti con cui state per fare un affare, e hanno un interesse contrapposto al vostro. Ciurma, ricordatevi le regole base della sopravvivenza del risparmiatori, in particolarenell’intrattenere rapporti con le banche. E registratevi ad AdviseOnly, così avrete sott’occhio i vostri risparmi e troverete qualche dritta utile.


 

Jack Sparrow

Jack Sparrow

Ha solcato i mari della finanza in lungo e in largo, su imbarcazioni piccole e grandi, con i mercati in tempesta oppure cavalcando grandi onde d’ottimismo. Da anni soffre di contorcimenti interiori che lo turbano nel profondo, e questo non solo per gli eccessi di frutti di mare, bensì per come vengono trattati i risparmiatori e per le tristi condizioni in cui versa l’industria che li dovrebbe gestire. E allora Jack Sparrow invoca l’ammutinamento! Basta con prodotti finanziari che fanno solo il gioco di chi li vende, basta con portafogli di risparmio che cozzano contro il buon senso! Entra nella ciurma di Jack e segui i suoi consigli per trasformare il tuo disagio in qualcosa di utile per i tuoi risparmi

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: