Annunci

THE VILLAGE WEEKEND con Federica SELLERI

ZANDOMENEGHI IMPRESSIONISTA

A Palazzo Zarabella, Padova, è in corso una personale dedicata al pittore Federico Zandomeneghi, dai suoi esordi a Venezia, Milano e Firenze fino a toccare la sua conversione all’impressionismo dopo lo sbarco a Parigi.

federico-zandomeneghi_fotor

Il percorso della mostra si concentra soprattutto sulla conversione impressionista e la produzione seguita al trasferimento nel 1875 a Parigi dove restò sino alla morte. Non sono però trascurati gli esordi e la sua prima affermazione a Venezia, Milano e Firenze, quando decise di staccarsi dalla città natale (Venezia) allora divisa dalla nostalgia di un grande passato e il culto dell’intramontabile Canova. L’artista nella sua produzione si è concentrato sulla pittura, facendo prevalere la ricerca formale sul soggetto, che diviene quasi irrilevante, e proprio in questo si trova il suo fascino e la sua modernità.

Questa rassegna, una delle più complete su quest’artista, intende rivalutarlo attraverso più di cento tra dipinti ad olio e pastelli, di cui diversi inediti o poco noti e sarà visitabile fino al 28 gennaio 2017.

la-modiste-1895-1900

Zandomeneghi abbandonò la tradizione famigliare della scultura per dedicarsi alla pittura e aderì alla rivoluzione dei Macchiaioli legandosi in particolare al loro grande sostenitore e critico Diego Martelli. Per molti anni fu costretto a mantenersi lavorando come illustratore di moda che gli consentì di non cedere alle lusinghe dei mercanti e della pittura facile e di schierarsi, dopo un’iniziale diffidenza, dalla parte degli Impressionisti e delle loro coraggiose sperimentazioni, diventando amico di Degas. Fu proprio con Degas stesso che condividerà ricerche formali e soggetti. Zandomenehgi diventerà straordinario interprete della donna parigina rappresentata nella sua intimità, nel segreto dei riti quotidiani e nelle occasioni mondane, tra le passeggiate al Bois e le serate a teatro. Ci ha lasciato anche indimenticabili squarci di Parigi, rappresentati con uno stile e taglio così moderno da anticipare il divisionismo di Seurat.

zandomeneghi-4_fotor

 

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: