Category Archives: CLIMA

IL BANDO DEI MOTORI DIESEL. CHI C’E’ DIETRO?

  IL FUTURO DELL’AUTO E’ VERDE O “NEROFUMO”?   2040. E’ l’anno nel quale alcune Nazioni bandiranno la vendita di auto a motore endotermico (benzina e diesel, per intenderci) obbligando gli acquirenti a scegliere esclusivamente tra modelli mossi da motori elettrici. Con alcuni Paesi ancora più rapidi, come la Norvegia che, attraverso un piano progressivo di detassazione, ha fissato nel 2025 la fine

Annunci
Read more

COSA TRASFORMA UNA CITTA’ IN UNA SMART CITY?

SMART CITIES. NON SOLO RISPARMIO E TECNOLOGIA     Analisi approfondire condotte da esperti di urbanistica predicono che entro il 2050, la popolazione globale residente in aree urbane raddoppierà e il 70% degli abitanti della terra risiederanno nelle città, richiedendo un’urbanizzazione su larga scala, e in tempi impressionanti. Un’area urbana progettata in modo da creare sviluppo economico e alta vivibilità,

Read more

L’ECONOMIA DI GAIA con GAIA CACCIABUE

L’amaro del caffè…è nelle capsule   Parliamo di pod: le capsule per il caffè, versione 2000 della macchina per l’espresso, a sua volta evoluzione della vecchia moka. Nell’ultimo paio di anni l’impatto ambientale dei miliardi di capsule vendute costantemente in tutto il mondo ha attirato l’attenzione dei consumatori e dell’industria. Le capsule hanno forse risposto a un bisogno che non

Read more

GLI APPUNTI DI STRADEONLINE

ENERGIA RINNOVABILE, QUANTO CI COSTI? di Anna Vincenza Piccolo (Public Policy / Stradeonline.it) In Italia, ad oggi, conviene investire sulle energie rinnovabili? Spesso il dibattito su quest’argomento ha una base, da entrambe le parti, più ideologica che pratica, a partire dal fatto che è difficile trovare una definizione condivisa di ‘convenienza’. Un indicatore piuttosto affidabile per stabilire il costo dell’energia

Read more

L’ECONOMIA DI GAIA con Gaia CACCIABUE

Le serre più belle del mondo sono sott’acqua   Il titolo è quello di un articolo del Washington Post del 30 giugno scorso, e le serre in questione sono a Noli, in provincia di Genova. Le hanno inventate Sergio e Luca Gamberini, padre e figlio come nella migliore tradizione italiana, e ci coltivano lattuga e basilico (dopotutto sono genovesi). I

Read more

GLI APPUNTI DI STRADEONLINE

Indoor farming, un’alternativa intelligente alla decrescita felice di Stefano Barale La “decrescita felice” è considerata da Serge Latouche come l’unica soluzione percorribile per assicurare un futuro all’umanità. Partendo dall’assunto che progresso e sviluppo economico comportino inevitabilmente un sempre maggiore impatto ambientale e, quindi, che non sia possibile ipotizzare una crescita infinita in un pianeta finito, non resterebbe altro da fare

Read more

L’ECONOMIA DI GAIA con Gaia CACCIABUE

Si infrange il sogno di Masdar City Nel 2016 Masdar City avrebbe dovuto essere la prima città 100% sostenibile del pianeta. Il progetto da 22 miliardi di dollari, messi a disposizione dalla compagnia d’investimenti di stato di Abu Dhabi, è stato presentato nel 2006 dallo studio Foster + Partners e avrebbe dovuto chiudersi quest’anno. Il piano originale prevedeva trasporti esclusivamente

Read more

LA GRANDE ACCELERAZIONE.

Dopo WW2, l’industrializzazione ha innestato la quinta, e come causa-effetto si è avuta un rapido processo di estinzione di piante e specie animali: secondo l’International Geosphere-Biosphere Programme e lo Stockholm Resilience Center, la popolazione è cresciuta del 180%, i consumi d’acqua del 215%, quelli di energia del 315%, la concentrazione di metano nell’atmosfera è raddoppiata, quella di anidride carbonica è

Read more

L’ECONOMIA DI GAIA con Gaia CACCIABUE

L’onda verde del surf   Probabilmente la notizia che la comunità surfista si preoccupi del benessere del mare non attirerà molto l’attenzione: ruotando la loro vita attorno ad un elemento naturale, ci si aspetta che abbiano una certa sensibilità, o almeno un certo interesse a conservarne la bellezza. Il lato inaspettato è che ci sia da preoccuparsi dell’impatto ambientale del

Read more

L’ECONOMIA DI GAIA con Gaia CACCIABUE

RobecoSAM Sustainability Yearbook 2016     Il RobecoSAM Corporate Sustainability Assessment (CSA) giudica all’incirca 3.000 compagnie ogni anno. È una delle più estese valutazioni finanziarie delle performance aziendali dal punto di vista della sostenibilità, e probabilmente la più accurata, visto che in base ai risultati del CSA si definisce il Dow Jones Sustainability Index. La prima versione del CSA è

Read more

LA LUNGA MARCIA VERSO L’AUTO PARSIMONIOSA.

Nel discorso alla Nazione (Union Address) del 2011, il presidente USA Obama rinnovò l’obiettivo (formulato nella campagna elettorale 2008) di avere 1.000.000 di autovetture elettriche (EV) entro il 2015; a fine 2015, il numero si è fermato a 490.000, la metà. Ed anche l’obiettivo di avere un consumo medio/autovettura di 23,2 km/litro previsto entro il 2025 sembra in discussione, e verrà affrontato

Read more

L’ECONOMIA DI GAIA con Gaia CACCIABUE

E se un gruppo di miliardari decidesse di rivoluzionare l’energia?   Cos’hanno in comune gli uomini nelle foto qui sopra, a parte essere miliardari e aver fondato alcune tra le aziende più innovative al mondo? Mentre il Cop21 passava quasi in sordina, senza lasciare tracce sui giornali, una novità è serpeggiata tra le informazioni, balenando timidamente sui quotidiani italiani, ma

Read more

COMPRAVENDITA DI “BUONI CO2”

La Environmental Protection Agency (EPA) statunitense prevede che i costruttori di auto “virtuosi” le cui autovetture emettono CO2 a livelli inferiori a quelli previsti dalle norme USA possano vendere tali “crediti” (c.d. “regulatory credits”) alle case automobilistiche le cui autovetture inquinano di più. La formula per il calcolo dei regulatory credits tiene conto di quantità di autovetture vendute, loro tipologia

Read more

2015: UN MONDO AD EMISSIONI RIDOTTE?

    Secondo i dati  World Meteorological Organization (WMO), l’aumento di CO2 nell’atmosfera è cresciuto del 43% rispetto ai tempi della rivoluzione industriale, raggiungendo le 4.000 parti per milione, che è il livello atteso anche per il 2016, nonostante i proclami e gli impegni presi a livello mondiale per la riduzione dell’emissione (principalmente, causata dalle attività umane). La temperatura media

Read more